Documenti relativi a Tinbergen Jan

Opere principali


Corrispondenze


Corrispondenza: Jacob Marschak a Jan Tinbergen (08-12-1947)

Lettera dattiloscritta (2 pagine) di Jacob Marschak a Jan Tinbergen inoltrata anche a Franco Modigliani e Kenneth Arrow (Cowles Commission) per commentare nel dettaglio alcune critiche sollevate da Tinbergen ad un saggio di Modigliani sulla funzione del risparmio.
destinatario Arrow Kenneth
destinatario Modigliani Franco
destinatario Tinbergen Jan
mittente Marschak Jacob
nome citato Haavelmo Trygve
nome citato Keynes John Maynard
nome citato Klein Lawrence R.


Corrispondenza: Jan Tinbergen a Franco Modigliani (29-10-1947)

Lettera dattiloscritta (2 pagine) di Jan Tinbergen a Franco Modigliani con la quale Tinbergen ringrazia Modigliani di avergli inviato il suo saggio sulle fluttuazioni del risparmio, si complimenta per il lavoro e muove alcune domande e rilievi critici. Tinbergen conserva una copia della lettera alla Cowles Commission.
destinatario Modigliani Franco
mittente Tinbergen Jan


Lettera di Jan Tinbergen a [Richard] Goodwin

Lettera con busta di Jan Tinbergen a Richard Goodwin, spedita da The Hague il 30 ottobre 1990. Lettera facente parte dei documenti acquisiti all'archivio dopo la morte di Goodwin.
destinatario Goodwin Richard M.
mittente Tinbergen Jan


Lettera di J[an] Tinbergen a [Richard] Goodwin

Lettera con busta di Jan Tinbergen a Richard Goodwin, spedita da The Hague il 14 gennaio 1991. Lettera facente parte dei documenti acquisiti all'archivio dopo la morte di Goodwin.
destinatario Goodwin Richard M.
mittente Tinbergen Jan


Manoscritti


Altri documenti


Documenti di soggetti terzi che menzionano l'Autore


Corrispondenza: Jacob Marschak a Franco Modigliani (15-01-1948)

Lettera dattiloscritta (2 pagine) di Jacob Marschak a Franco Modigliani con la quale Marschak allega una lettera di Jan Tinbergen e risponde in dettaglio ad una domanda di Modigliani sull'uso dell'elasticità della domanda al reddito. Fa un accenno ai piani di Modigliani per Chicago, che si augura abbiano successo.
destinatario Modigliani Franco
mittente Marschak Jacob
nome citato Modigliani Serena
nome citato Tinbergen Jan


La scelta dei settori regionali da sviluppare: il metodo semi input-output. Elementi di matematica finanziaria

Le lezioni di Guglielmo Puzzo, svolte presso il Centro per gli studi sullo sviluppo economico tra settembre e ottobre dell'anno 1968, hanno come argomento nozioni fondamentali di matematica finanziaria e il metodo "semi input-output" per la scelta dei settori regionali da sviluppare. Il primo testo è tratto dalle lezioni di F. Rosenfeld pubblicate a Parigi. Il secondo testo segue per grandi linee i suggerimenti di Jan Tinbergen.
autore Puzzo Guglielmo
nome citato Tinbergen Jan
nome citato Rosenfeld F.


"Sulla elaborazione di proiezioni macroeconomiche per l'Italia. Appunto redatto dalla SVIMEZ in occasione della riunione ristretta della 'Commissione Papi' del 28 giugno 1961"

Il documento è classificato nel fascicolo come "appunto presentato dal Prof. Saraceno il 28 giugno 1961". Nel documento si fa presente la necessità di adottare un modello disaggregato per regioni o settori. Viene suggerito come esempio il modello a lungo termine elaborato da Chenery e Goldeberger per l'Olanda. Si afferma il principio per cui la formulazione del modello non è indipendente dal tipo di politica economica che si intende perseguire. La disaggregazione suggerita si articola in tre regioni geografiche (meridione, triangolo industriale e zona centro-orientale), mentre viene giudicata insufficiente una suddivisione per settori che non tenga conto del diverso grado di sviluppo di agricoltura, industria e servizi nelle diverse zone della nazione. Data la complessità dei problemi legati alla formulazione di un simile modello, si indica in un periodo di 1-2 anni il tempo necessario alla realizzazione del progetto. Si suggerisce inoltre di adottare un modello provvisorio più aggregato come studio intermedio (in proposito viene portato ad esempio il metodo delle approssimazioni successive suggerito da Tinbergen in una conferenza presso la Svimez e lo stesso metodo seguito nella formulazione dello Schema Vanoni). Infine vengono segnalate le necessarie modalità di lavoro da adottarsi qualora l'intero progetto venisse affidato alla SVIMEZ. Ciascuna pagina del documento riporta in basso a sinistra la dicitura "SVIMEZ - D.I.L. 'Commissione Papi', 2 27-6-61".
autore Saraceno Pasquale
nome citato Tinbergen Jan
nome citato Vanoni Ezio
nome citato Chenery
nome citato Goldeberger